Tutti i miei sì

sì, perchè io amo l’autunno e Beatrice stamattina mi ha fatto risvegliare tutta stretta nel lenzuolo e abbracciata a Marito

sì, perchè dopo notti così mi sembra di rinascere

sì, perchè adesso che non sono in ferie dormo meglio

sì, perchè adoro la mia routine

sì, perchè avere delle scadenze mi impedisce di buttare via le ore pensando “tanto lo faccio dopo”

si, perchè la mia vita non è mai vera routine

sì, perchè le novità cambieranno di nuovo le nostre vite

sì, perchè Lo Smilzo comincerà l’asilo

si, perchè quest’anno cambieremo casa

sì, perchè è tutto in divenire, non siamo più la sola coppia con figli

sì, perchè è arrivata una bambolina e a marzo arriverà un lui o una lei

sì, perchè spero che anche mia sorella mi dia una notizia come questa

sì, perchè ieri guardavo Lo Smilzo e “oddio ma quanto è cresciuto? Ma quanto in fretta è cresciuto?”

sì, perchè dopo uno spannolinamento avvenuto con incredibile successo adesso vuol dormire nel suo lettino “da bimbo grande” da solo

si, perchè ieri ho deciso che è quasi ora di una sorellina

sì, perchè ho un lavoro a TI

sì, perchè anche se aspetto con ansia che rientri la collega quasi mamma vedo già che lavorerò bene

sì, perchè domani saranno 10 anni che io e Marito stiamo insieme

sì, perchè invece che lamentarmi continuamente dovrei ringraziare ed essere felice per quello che ho

mezze ferie, mezza estate e future previsioni

finalmente da sola a casa.

Lo Smilzo è dalla nonna, Marito è andato a sbrigare delle commissioni.

I piatti mi stanno guardando dal lavello, la lavatrice ha finito il suo ciclo, dovrei lavare i pavimenti e aspirare tutto il piano superiore (e farò tutte queste cose, diamine se le farò!)

Lo Smilzo ha superato bene l’operazione, già il giorno dopo non sembrava che avesse subìto nulla.

Tranne un incidente con la farmacista che poteva causare grossi problemi non c’è stato nulla di che, il solito bambino di sempre, capriccioso & coccolone!

I miei sono stati qui.

Niente da fare, solita storia. Ricado sempre nello stesso circolo. Quando non ci solo loro sono una donna adulta, poi invece all’improvviso mi trasformo nella “figlia” che ero. divento nervosa, svogliata, pigra e quant’altro.
La trasformazione successiva è quando divento pignola all’inverosimile, quando rimprovero mia mamma di essere casinista e disordinata, e di non aiutarmi abbastanza (mio padre ha passato 12 giorni sul divano a guardare la tv, quando non andava a far la spesa… ma sempre sul divano stava!)
Poi  ovviamente mi sento in colpa, poi c’è sempre qualcosa di irrisolto, qualcosa di sospeso.
E più guardo i miei genitori più mi rendo conto che non c’è più molto tempo, che è arrivato il momento di risolvere-perdonare-dimenticare.

Sono andata in fissa con le proteine.
E ancor di più sono andata in fissa per l’avocado.
Sublime, splendido frutto… non voglio annoiarvi con la chimica e le proprietà e gli omega 3, vi dico solo che è buonissimo e gustosissimo..

certo, in alta stagione costa quanto un diamante, ma cosa è il vile denaro di fronte alla salute? Eh?
Appunto.

Dicevo delle proteine… ho messo da parte riso&pane, mi sono convertita alla colazione salata che non mi fa aver fame fino alle 13.
E poi ci sono le mie verdure di ogni giorno… anzi l’altro giorno sono andata alla coop e ho visto i broccoli, stavo per piangere, erano settimane che non ne trovavo…

Dopo un anno di matrimonio ho finalmente i bicchieri per il servizio bbbbuono.

Marito è fermamente intenzionato a vendere questa casa, e questo probabilmente significherà svenderla. Ma ormai lui è convinto di questo… e che vi devo dire, io volevo cambiare le imposte. E aspetterò. Ancora…

e ricominceremo a guardare altre case, e regaleremo altri soldi a un notaio e ci rimetteremo sulle spalle un altro trasloco.

Insomma, sarà un anno molto intenso..

 

oggi

chirurghi all’opera!

 

AGGIORNAMENTO DELLE 12.48

L’intervento è iniziato alle 10.50 e si è concluso alle 12.40 circa.

Ha appena chiamato Marito (sì, io sono al lavoro… dato che lui è di nuovo in ferie per mancanza lavoro mi sembrava di sprecare il guadagno di una giornata) e come l’altra volta hanno dovuto spezzare in due l’intervento.

Quindi li rivedremo tra sei mesi, si spera per l’ultimo dei quattro interventi.

alle 17.31 volo in ospedale, sicuramente lo tengono per una notte di osservazione.