sul cessare di certe trasmissioni

…che ne pensate del nuovo spot sul profilattico?

 

Vi convince? Qualcosa non vi convince?

Annunci

Sul premiare – Aggiornamento

…da domenica tra di noi c’è la fiera del muso lungo.

Marito ha tentato di essere più premuroso nei miei confronti pensando fosse solo una arrabbiatura passeggera.

Sono due giorni che gli rivolgo gentili monosillabi: “sì grazie” e “no grazie”.

Oggi mi ha inviato un sms “ma sei ancora arrabbiata per sabato?”

E ti pareva… questa è la prova che malgrado io stessi urlando come un’invasata e gli abbia ripetuto la cosa più e più volte lui, ad oggi, non ha (ancora) capito.

Gli ho scritto un lungo sms cercando di riassumere tutta la questione, a parole non ce la potevo fare, mi sale ancora il magone se ci penso, mi scendevano le lacrime mentre scrivevo… roba da pazzi!

Mi ha risposto con “ok, allora da oggi il cattivo lo farò io” ma vi pare? Malgrado stavolta non abbia urlato, malgrado averglielo scritto lui non ha (ancora) capito.

In pausa pranzo l’ho chiamato e ho cercato di essere breve, sintetica e diretta.

Non mi interessa chi dei due fa il cattivo, mi interessa che uno non si metta a premiare mentre l’altro dà una punizione. Questo mi interessa. Essere uniti e coerenti.

“ma io non volevo premiarlo con il parchetto” [eh no ciccio. Quello ai suoi occhi è un premio].

Comunque ha ammesso di aver sbagliato.

Dice che da oggi mi appoggerà nelle decisioni e che starà più attento anche lui alle regole che gli diamo.

Insiste che per Lo Smilzo è “impossibile” seguire tutte le mie regole…. -_-

Comunque, vedremo se lui ha (finalmente) capito.

sul premiare

Vi capita di dare regole ai vostri figli che di volta in volta non vengono rispettate? Sì, certo che vi capita, vi ho visto annuire.

E i vostri mariti/compagni come si comportano? Vi appoggiano o no?

Il mio non mi appoggia nemmeno di striscio. Al mio rimproverare lui risponde con “Dai Smilzo mettiti le scarpine che andiamo al Toys”

come se questo mi aiutasse.

Ieri mi è partito l’embolo. Se oggi non avete sentito notizie da cronaca nera su un marito e un treenne è solo un miracolo.

dopo la terza volta che gli ho detto di non saltare sul divano altrimenti le avrebbe prese (ma forti eh!) Lo Smilzo ha continuato come niente fosse, e lì ovviamente le ha prese (forti, vi assicuro). Lo Smilzo ha fatto la faccina triste e due lacrimuccie e Marito ha detto “dai che andiamo al parchetto”

machecazzodici? Ho sbroccato contro di lui, io mi sono stancata di essere continuamente messa nella parte della cattivona. Lui sa solo portarlo al Toys e al parchetto e a vedere la partita… insomma lui c’è solo per farlo divertire, mai una volta che prendesse sul serio quello che dico.

E ho paura che andrà sempre così. Oggi è la regola del non saltare sul divano (o di mangiare a tavola o di raccogliere i giochi prima di andare a letto) nel futuro sarà la regola di sistemarsi lo zaino, il borsone dello sport, sistemare la sua camera… insomma avete capito, non regole impossibili da seguire ma regole necessarie. Senza regole cosa diventerà?
E sono certa che puntualmente Lo Smilzo tenderà a non seguirle perchè tanto ci sarà Marito messo lì tranquillo che troverà un modo per giustificarlo o che.

Nello specifico Marito mi rimprovera di dare regole impossibili.

Per lui è normale saltare sul divano. Per me non è così. Io so di essere nel giusto ma mi sento frustata e svilita da questo suo comportamento.

Ovviamente ieri dopo le mie urla (a un certo punto ero così acuta che mi avranno sentito solo i cani dei vicini) ha cambiato atteggiamento.

Ma, temo, solo per farmi smettere.

Io non so come fargli capire che il suo comportamento mi fa perdere autorità nei confronti del bambino, e umanamente mi ammazza. Sono già in crisi perchè Lo Smilzo cerca sempre lui e mai me. Il suo comportamento peggiora tutto e basta.