progetto vegetariano – settimana 1

Ho assegnato alla domenica il giorno del post su questo mio progetto vegetariano.

A fronte di una dispensa/frigorifero/freezer senza carne né pesce devo dire che siamo sopravvissuti … e con successo!

Le cene sono state articolate in zuppe, vellutate, polpettine di verdura, patate al forno, frittata con verdure, focaccia con pomodorini, caprese, bruschette…

Dal sito di greenme.it ho scaricato il calendario 2014 con l’elenco di frutta e verdura di stagione, metto una spunta quando ne consumiamo una. La lista è stata spuntata quasi tutta 🙂

I pranzi sono stati molto più facili da gestire perchè sono da sola in casa e perché io adoro le minestrine; ho alternato: minestrina con brodo vegetale, risottino allo zafferano e spaghettini al pomodoro & basilico.

Avere a disposizione verdura fresca ci invoglia a consumarne di più… oggi ho beccato Marito intento a lavarsi un peperone, tagliarlo a falde, metterlo in un boccale di birra e consumarlo sul divano mentre faceva una ricerca al pc.

Un mese fa si sarebbe fatto 1 o 2 toast…

Io a metà mattina e pomeriggio mi impongo un frutto o un finocchio.

Lo Smilzo ormai agguanta banane dal cesto in completa autonomia… ormai non ci facciamo più caso.

Le prime impressioni sono positive. La pelle sembra aver tratto giovamento, l’acne è leggermente diminuita, ci sono le crosticine ma non ho notato nuovi focolai.
La fronte è completamente pulita e la guancia destra si appresta a cicatrizzarsi. La guancia sinistra (chepalle) è ancora piena di focolai (che io tendo a grattare mannaggia-a-me) ma ho smesso di usare la cremina al cortisone perchè voglio vedere se ci sono /saranno reali miglioramenti dovuti al solo cambio di alimentazione.

Il mio peso durante questa settimana è sceso leggermente nonostante non abbia mai saltato un pasto o uno spuntino.
Facile che mi stia sgonfiando; cosce e caviglie la sera ringraziano.

Sono stata dal medico di base. Mentre mi prescriveva l’antibiotico ho buttato lì come se niente fosse un
“dottore, mi sto accorgendo di mangiare più verdura e frutta e non sentire il bisogno di carne….”

Lui annuendo “…signora, ci aggiunga anche i legumi….”

(E’ sempre stato un medico di poche parole… 🙂 )

A fine mese ho il controllo con la ginecologa. Esami del sangue alla mano farò con lei un discorso più diretto e spero più articolato.

ps

Marito si sente appesantito dalle Festività.
Di comune accordo abbiamo deciso di non acquistare merendine, cioccolata, aranciata e varie schifezzine fino al raggiungimento del suo peso forma.

Siamo andati a bere un calice di prosecco solo la sera che abbiam venduto casa, almeno per festeggiare.
Non so quanto durerà ma intanto sono ben 7 giorni che non mangio nemmeno cioccolato (in nessuna forma).
E anche di questo non ne sento ancora il bisogno.
Pensavo che sarei uscita di notte per cercare un autogrill per togliermi la voglia e invece niente.

Forse era davvero un blocco mentale… un circolo vizioso “ce l’ho in casa -> lo mangio -> sta finendo -> l’ho acquistato -> ce l’ho in casa”

E molto probabilmente non riguarda solo il cioccolato.

Annunci

3 pensieri su “progetto vegetariano – settimana 1

  1. Cinzia ha detto:

    Una curiosità: come farete con lo svezzamento dello smilzino? lo smilzo ormai è grande, ha i suoi gusti e dato che non gli piace la carne, gli fate anche un favore… 😉 Ma il anscituro? Solo per curiosità… 😉

    • liberamente80 ha detto:

      eh…come vedi lontano… per quel giorno mancano ancora 9 mesi… 3 nella pancia e sei fuori…
      Per adesso è solo un discorso mio, al di là che Marito approva di non avere in casa salumi, per adesso il suo è ancora un discorso appena accennato.
      Lo fa per depurarsi. Più avanti deciderà lui come preferisce.
      Mi sto documentando (tra le altre cose) anche sul discorso: ma i vegetariani come fanno a sopravvivere? E i vegani come fanno ad essere ancora vivi? E i figli degli uni e degli altri di che campano?

      in effetti dal punto di vista nutrizionale verdura, cereali, legumi e frutta non hanno nulla da invidiare al petto di pollo o la bistecchina di manzo. Bisogna sapere come combinarli, e a che età vanno introdotti.

      Un motivo per cui non voglio diventare talebana su questo argomento è la paura di ottenere l’effetto opposto sui figli; una cosa tipo….
      Mia mamma è vegetariama, io invece vivrei di mcdonald…..
      Se al bimbo nuovo dovesse piacere la carne (ovviamente ne mangerà… a scuola, dai nonni, sulla pizza) gli consentirò di mangiarla, in un secondo momento gli farò vedere e gli farò leggere tutto quello che sta passando davanti ai miei occhi.
      …spero di essere supportata dalla pediatra, sia su questa scelta che su un’altra controversa e difficile scelta… I VACCINI!

      🙂

  2. gattacicova79 ha detto:

    è tutta una questione mentale, il sentire bisogno di un determinato cibo, concordo….se non ne senti il bisogno adesso vuol dire che era proprio il momento giusto per questo cambiamento, che eravate già ben predisposti e motivati.
    Sono cambiamenti di stile di vita che se non si fanno a livello di “famiglia” non possono durare. Ti immagini se tu dovessi preparare pranzi separati e fare spese differenziate x te e marito???
    bravissimi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...